Blogtour + Giveaway, II tappa: “IPERURANIA”, Francesco Guarnaccia

“Bun, hai mai la sensazione di essere come un elettrone? Impegnato in un volteggiare senza fine? Senza mai toccare il nucleo… senza mai arrivare al punto… elettrici e negativi, asintotici. Sempre a provare e a non toccare mai niente.”

Benvenuto nel più bello e pericoloso dei pianeti: Iperurania, dove la fisica non segue ragionamenti teorici sensati, l’aria è irrespirabile e le temperature sono ostiche. Se tocchi il suolo non puoi più andartene via e no!, non puoi usare neanche il tuo smartphone di ultima generazione. Qui, i device a tuttoschermo sono roba vecchia e stravecchia. Se hai intenzione di fuggire, a meno che tu riesca a superare l’attrazione di gravità che richiede una velocità estrema, mettiti il cuore in pace e aspetta la fine dei tuoi giorni.

IPERURANIA7Fortuna che gli umani del futuro non sono scemi come noi e hanno inventato una stazione spaziale orbitante intorno a Iperurania per studiarlo. Ma sono passati cento anni dalla creazione della stazione spaziale e di Iperurania nessuno ha scoperto niente. L’unico modo per avvicinarsi ad Iperurania è indossare una tuta da far invidia ad Ironman, armarsi di macchina fotografica e diventare fotonauti, meglio conosciuti come Shooting Stars. Più il pilota è abile, più riesce ad avvicinarsi al suolo del pianeta. Poi arriva Bun, il giovane fotonauta protagonista, che mette in discussione un secolo di conoscenza su Iperurania in una manciata di pagine. Chissà come si è ritrovato proprio in quel pianeta misterioso ma affascinante.

Gli Shooting Stars sono quasi delle celebrità: i loro scatti, che spopolano sui social, li rendono famosi e degni di ammirazione, ecco perché viene istituito lo “Shooting Stars Gran Slam”. Una competizione dove a vincere è chi, superate alcune prove di fotografia, si aggiudica il titolo di miglior fotonauta. Ma Bun, che riesce a mettere piede su Iperurania, sfrutta questa sua capacità per vince l’ultima prova. Inizia così un calvario dove Bun, sopportato dagli amici Chet e Marsi, inizia a soffrire del complesso dell’impostore e mettere in discussione le sue capacità. Tutti a vent’anni abbia passato periodi di insicurezze e scarse certezze. Condividere queste cose con Bun, Chet e Marsi che abitano nello spazio, ci fa sentire, fortunatamente, meno unici. Ma le bugie hanno le gambe corte e Bun dovrà risolvere non pochi problemi.

Vedete, colui o colei il quale diceva che i giovani sono il motore più prestante che mette in corso uno sciame di idee, mica si sbagliava. Forse mi sbaglio io a dire che qualcuno ha detto questa cosa e allora, facciamo che me lo sono inventato io e questa è una mia citazione. “IPERURANIA” di Francesco Guarnaccia, graphic novel in uscita il 26 aprile per Bao Publishing (il 20 in anteprima a Milano), è prima ancora prima di una bellissima storia, la prova concreta della capacità di Guarnaccia nell’inventare una storia originale su un argomento, lo spazio, che sembrava già saturo di idee.

Guarnaccia, classe 1993, è già noto per le sue serie autoprodotte con il collettivo Mammaiuto e per aver pubblicato con Shockdom, Rizzoli, Linus, Internazionale, Smemoranda e molte altre realtà dell’autoproduzione italiana. Il suo stile è già riconoscibile: corpi gommosi, flessibili eforme curve si mischiano a colori accesi e ambientazioni ricche di dettagli. Mi aspetto grandi cose.

Schermata 2018-04-16 alle 21.59.38.png

Non so elencare, se non in maniera disordinata, le cose che più mi sono piaciute: potrei iniziare dalla palette di colori anni Ottanta, dal ciuffo vaporoso di Bun, dai dettagli in rilievo della copertina, dalle una e più risate che mi sono fatto andando avanti con la storia. Ma un difetto questo graphic novel lo ha, eccome se lo ha: dopo essere arrivati all’ultima pagina si ha talmente tanta voglia di girovagare per lo spazio che aprendo l’armadio dei vestiti la delusione di non avere una tuta è troppa. Allora riprendiamo a leggere “IPERURANIA” perché la nostalgia di galassia e stelle va colmata.



cropped-iperurania_banner_blogtour.jpg

Per il giveaway, saranno estratti 3 vincitori o vincitrici tra i partecipanti. Ognuno/a di loro vincerà: una copia di “IPERURANIA” con dedica disegnata dell’autore

Per partecipare e poter vincere bisogna:

– Mettere mi piace alla pagina Facebook BAO Publishing
– Diventare lettori fissi/seguire i blog/vlog partecipanti
– Commentare tutte le tappe del blog tour
– Compilare il form con i dati (per il giveaway)
– Condividere il Blog Tour sui social

C’è tempo per partecipare al giveaway dal 16 al 25 aprile 2018, poi verranno estratti i tre vincitori.

Di seguito le date e le tappe del blog tour:

Il forum per iscrivervi al giveaway: clicca qui!


A presto e buona fortuna,

Loris

Annunci

16 commenti Aggiungi il tuo

  1. Erika Bertoletti ha detto:

    Forse parlo a sproposito ma, per qualche motivo lo stile mi ricorda tantissimo Moebius

    Piace a 1 persona

    1. Loris Insinna ha detto:

      Per i colori! 😍

      Mi piace

  2. Silvia Marinetti ha detto:

    Dovrebbe essere davvero molto bello…Spero ed incrocio le dita…e grazie per l’opportunità… 😊

    Piace a 1 persona

    1. Loris Insinna ha detto:

      Lo è! Incrocio le dita per te! 🤞🏼

      Mi piace

  3. Alessio Belcastro ha detto:

    Questo fumetto sembra molto particolare, forse un po’ “poetico”. Non vedo l’ora di leggerlo!

    Mi piace

    1. Loris Insinna ha detto:

      No, non è molto poetico. Anzi, superate le prime pagine di inquadramento della storia è un’azione dopo l’altra, senza togliere profondità di carattere ai personaggi e al protagonista! 🙂

      Mi piace

  4. Matteo Damiani ha detto:

    Il bello dei blog tour di Bao è scopro sempre un nuovo blog da seguire! 🙂

    Mi piace

    1. Loris Insinna ha detto:

      Beh, due piccioni con una fava! 🎉

      Mi piace

  5. Già lo adoro !!!!!!!!!! Che dire … SPAZIALE!!! Incrocio le dita e grazie per l’opportunità!

    Mi piace

    1. Loris Insinna ha detto:

      Buona fortuna! 🙂

      Mi piace

  6. Micaela Catanese ha detto:

    Che simpatica l’idea dei fotonauti. Davvero originale. Questa bella presentazione mi ha fatto venire una gran voglia di avere tra le mani la graphic novel. Ti ringrazio.

    Mi piace

    1. Loris Insinna ha detto:

      Grazie a te per la partecipazione e la curiosità!

      Mi piace

  7. Matteo Viganò ha detto:

    QUesto fumetto mi sta ispirando un botto

    Mi piace

  8. Marta ha detto:

    Wow

    Mi piace

  9. salvatore trivelli ha detto:

    bella rece, ma sopratutto ottimo sito ben fatto bravo/a.

    Mi piace

    1. Loris Insinna ha detto:

      Grazie! Bravo, comunque! 😆

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...